Santo difende il finanziamento a Palazzo Giovanelli a Gandino

PAIA - GANDINO

Pubblicato da: 

|

Data pubblicazione: 

29/01/2010
|

Letture: 

1351

Santo Marinoni protagonista a Peia e anche fuori, nelle vicende che interessano la Val Gandino.
I riflettori di questi tempi sono puntati sullo storico Palazzo Giovanelli di Gandino, in favore del quale è stato finanziato un intervento di recupero dalla durata ventennale. Ma la delibera dell’ex Comunità Montana, che autorizzava il progetto, è stata oggetto di contestazioni da parte di altri sindaci della Valle, infuriati e preoccupati nel veder congelati i fondi BIM per ben due decenni. Finché, il 21 gennaio, l’assemblea dei sindaci si è riunita per discutere la questione, optando all’unanimità per la revoca della delibera (27 favorevoli e 7 astenuti).
Marinoni, che faceva parte dei 7 astenuti, s’inserisce nella vicenda come convinto sostenitore del progetto di recupero del palazzo di Gandino: “Secondo me è un progetto culturale importante che va appoggiato e che si basa sul finanziamento di 1 milione di euro da parte della Fondazione Cariplo; ora formuleremo una proposta alla Comunità Montana per gli 800 mila euro del BIM. I paesi della Val Gandino entrerebbero in percentuale nel Palazzo Giovanelli per un totale di 1 milione e 800 mila euro. La Comunità Montana ha votato contro la delibera che era stata fatta all’ultimo momento, ufficialmente valida ma scorretta”.
Il sindaco di Peia e quello di Gandino, insieme ad altri primi cittadini, presenteranno una nuova proposta riguardante il Distretto culturale: “Ci riuniamo per elaborare il nostro progetto che ci consenta di usufruire dei fondi BIM affidati alla Comunità Montana per quasi 20 anni, ho appena sentito Gustavo Maccari per sollecitare l’incontro”.

Autore: 

Autore: 

webmaster
|