L’Oratorio cresce, quindi… “prendi un posto in prima fila”

Pubblicato da: 

|

Data pubblicazione: 

21/10/2005
|

Letture: 

1277

Le iniziative per promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricostruzione dell’Oratorio di Gandino sono molteplici. Va sottolineato innanzitutto che ogni seconda domenica del mese le offerte raccolte in Parrocchia durante le SS. Messe vengono destinate alla ricostruzione.

Sono state anche inviate richieste di compartecipazione a Enti e ditte (con evidenziate le modalità di deducibilità fiscale delle offerte).

A tutto questo si affiancano iniziative più specifiche, che riguardano direttamente l’attività dell’Oratorio e la struttura che sta nascendo (l’immagine che pubblichiamo conferma il progredire del cantiere).

Già nel 2002, in occasione del Tombolone di San Giuseppe, fu promossa l’asta per "il primo mattone" dell’Oratorio, realizzato in gesso dai giovani e dagli adolescenti, con tanto di pergamena siglata dal prevosto don Emilio e don Andrea, allora nuovo curato.

Fu realizzata una discreta tiratura di questi mattoni (doveroso ricordare l’impegno in questo senso di Enrico e Stefano Canali e di Ruggero Rottigni) e furono messi in vendita in occasione dell’edizione 2002 di "All’Ora in Festa".

La scorsa estate l’Oratorio ha realizzato alcuni gadgets con il logo della ricostruzione: un ombrello pieghevole, una radiolina portatile e un marsupio.

Il logo è il risultato di un piccolo "concorso di idee", ed è stato realizzato da Giovanni Gherardi.

Lo stesso logo è stato riportato su cartoncini multicolori con la "Preghiera per l’Oratorio".

Ora vengono lanciate due nuove iniziative specifiche che mantengono il comune denominatore di offrire spunti diversi per la raccolta fondi.

Si tratta della dedicazione di aule e ambienti comuni. In alcuni casi la Parrocchia provvederà "d’ufficio" per persone che hanno contribuito in maniera particolarmente significativa alla vita dell’Oratorio e della Comunità Parrocchiale, anche attraverso lasciti ed eredità. In altri casi si provvederà alla dedicazione su richiesta di donatori che faranno offerte particolarmente significative.

L’altra iniziativa a suo modo originale riguarda il nuovo cineteatro e in particolare la"vendita" simbolica delle poltroncine, per creare un apposito registro, sul modello di quanto fatto in passato per le canne dell’organo della Basilica. La somma stabilita per ciascuna poltroncina è vicina all’effettivo valore commerciale: 250 euro.

Le poltroncine sono 300, per pura cronaca e curiosità precisiamo che sono di colore Blu, modello Master della ditta Lino Sonego. Tale iniziativa è destinata a ricordare persone defunte, gruppi familiari, coscritti, associazioni, gruppi di colleghi, ecc. Ciascun donatore riceverà un attestato dell’avvenuta donazione, numerato e firmato e il Registro con l’elenco numerato e nominativo degli offerenti sarà conservato per sempre in Archivio Parrocchiale.E’ evidente che l’acquisto delle poltroncine è del tutto simbolico.

Gli offerenti infatti non ottengono alcun diritto riguardo all’occupazione di posti, diritti di precedenza in occasione di manifestazioni o altro. E’ un modo come un altro per contribuire in maniera originale alla ricostruzione. Efficace lo slogan: "Nuovo Oratorio: prendi un posto in prima fila!".


Nelle immagini: Una fotografia anni’50 dell’interno del Cineteatro Loverini, andato distrutto nel rogo del 2000 e lo stato attuale di avanzamento dei lavori.

Autore: 

Autore: 

webmaster
|